Patrocinio di Padova

Single Blog Title

This is a single blog caption
Sara Polonio

Porta chiusa con doppia mandata, arriva Sara Polonio dal Gordige

Chiude la tripletta dal mercato Sara Polonio, classe 2000 che blinda la porta biancoscudata.

Ben arrivata Sara! Ci siamo conosciute da avversarie sul campo nella precedente stagione dove con la maglia del Gordige ci hai negato più di una volta la gioia del gol. Cosa lasci a Gordige e cosa speri di trovare in questa nuova esperienza a Padova?
“Grazie per il benvenuto. Ho passato 5 anni indimenticabili con la maglia del Gordige, lascio una società e una squadra che mi ha aiutata a crescere sia a livello calcistico che a livello personale. Da questa nuova esperienza a Padova spero di trovare nuovi stimoli per migliorare e per raggiungere gli obiettivi della mia nuova squadra.”

Il ruolo del portiere è forse il più particolare, necessita di un mix di spensieratezza e concentrazione difficile da trovare ma, quando raggiunto, invincibile. Come ti sei avvicinata ai pali della porta? Qual è l’aspetto che più ti piace del ruolo che ricopri?
“Tutti dicono che per fare il portiere bisogna essere un po’ matti, ma allo stesso tempo bisogna anche usare la testa perchè è un ruolo importante che molte volte decide il risultato di una partita. Ho iniziato a giocare a calcio a 8 anni nella squadra del mio paese, all’inizio giocavo un po’ in tutti i ruoli, dopo un paio d’anni ho capito che il portiere era il ruolo più adatto a me perchè mi divertivo molto, inolre mi piace il fatto di dover difendere la porta a tutti i costi.”

Anche tu sei stata a lungo corteggiata dal Mister Di Stasio che ti ha fortemente voluta come parte dell’organico, cosa ti ha spinta a dire “sì” ai colori bianco rossi?
“Ho detto si al Padova perchè mi è sembrata la scelta giusta, soprattutto perchè spero sia un’esperienza che possa servirmi per maturare e per confrontarmi con le mie nuove compagne di squadra.”

Ringraziamo Sara Polonio per la disponibilità e le facciamo un grande in bocca al lupo per la prossima stagione.

Ufficio Stampa: Alessia Mazzucato