Single Blog Title

This is a single blog caption
Articolo: Calcio Padova Femminile - Trento Calcio Femminile

Prima squadra: Fin troppo severo 3 a 0: il Padova esce sconfitto ma a testa alta contro il Trento

Match di primissimo livello in Via Vermigli con il Padova che ospita il Trento capolista.
Gara difficile sia sulla carta sia sul piano del gioco che fin dai primi minuti si dimostra molto tattico e mentale.
Primo squillo del Trento al sesto con diagonale dalla destra, parato da Parnoffi.

Risponde il Padova al 18esimo con tiro da fuori area di Martinuzzi di sinistro alto sulla traversa.
I ritmi sono molto alti e le due compagini ben si fronteggiano con il Padova in 4312 che alza bene il pressing sulla trequarti campo, riconquista palloni interessanti che tuttavia non riesce a sfruttare a pieno.

Il Trento cerca la via del gol e lo sfiora al 22, discesa sulla sinistra e palla a rimorchio con Parnoffi che si supera in gran riflesso di piede.
Al 34esimo su azione fotocopia passa il Trento, l’inserimento dell’attaccante ospite questa volta fulmina un’incolpevole Parnoffi.
Si apre la ripresa con i primi cambi fra le linee biancoscudate, fuori Panza e Biasiolo per Spinelli e Balestro con un Padova che cambia pelle in 4231.
Poco dopo Perego e Spagnolo subentrano a Plechero e Fabbruccio.

Al 23esimo si mette in proprio Ciavatta che entra in area ospite sulla fascia destra in progressione, il tiro è sul secondo palo ma debole e il portiere ospite para senza difficoltà.
Alla mezz’ora Dal Fra prende il posto di Martinuzzi.

Nell’ultimo quarto d’ora dilaga il Trento che prima trova il 2 a 0 sfruttando un errore in disimpegno del Padova sulla trequarti e poi ripropone sulla fascia di destra la giocata che ha portato alla prima marcatura con progressione dell’esterno che serve a rimorchio l’inserimento vincente dell’attaccante.

Si chiude così sul 3 a 0 una gara che vede il Padova soccombere di fronte alla capolista ma che mette in campo una prestazione più che convincente.
A fronte di una compagine strutturata e ben rodata le biancoscudate non sfigurano e tengono bene il campo per trequarti della partita: a spazi inevitabilmente più ampi e a maglie più larghe nella seconda parte ripresa il Trento punisce con la qualità che contraddistingue la prima della classe.

Fabbruccio e compagne, se pur reduci dalla seconda sconfitta, escono a testa alta da una gara che, come da pronostici, si è confermata difficile e di livello.

Ufficio Stampa: Alessia Mazzucato